I film “bonus” dello Psico-Caffè.

Venerdi grande successo al botteghino dello Psico-caffè: Ansia e Panico: c’è chi sta peggio di te!

Chi ha partecipato ha ricevuto nella mail bonus dei regali… tra cui una lista di film.

La condivido anche qui e ne aggiungo un altro ( per sapere gli altri regali devi partecipare 😀 ! )

Io e Annie

Il protagonista, Alwy soffre di un DAG (disturbo d’ansia generalizzata), è insicuro nei rapporti interpersonali, e l’unica
arma che haper affrontare il mondo è l’humor. Racconta la fine della sua storia con Annie e per farlo cerca di capire quali suoi problemi sviluppati durante l’infanzia (depressione, nevrosi) possano essere stati complici del fallimento amoroso.
PERCHE’ L’HO SCELTO: Allen crea protagonisti che hanno le caratteristiche delle sue fobie, delle sue nevrosi, delle sue paure. Ci chiarifica il quadro psicologico del personaggio, ci descrive perfettamente le sue debolezze e facendo così sembra già che in qualche modo se ne sia disfatto se non per il solo fatto di averlo mostrato.

Birdman o l’imprevedibile virtù dell’ignoranza (2014)

Un film originale che racconta la vita di un attore decadente di Hollywood.
L’attore, famoso per il suo ruolo di supereroe Birdman, è ossessionato dalla voce del personaggio, che lo critica.
PERCHE’ L’HO SCELTO: Trasmette l’angoscia, la paura del fallimento e lo sforzo di recuperare i vecchi tempi della gloria, il desiderio di trovare qualcosa per cui combattere.

Solaris (1972)

Uno psicologo, Kris Kelvin, viene inviato ad aiutare tre astronauti che a quanto pare stanno impazzendo in una stazione spaziale lontana. L’ansia generalizzata va emergendo ei protagonisti cercano di evitare l’esposizione alle situazioni che l’hanno originata, una strategia tipica delle persone ansiose.

PERCHE’ L’HO SCELTO: Questo film svela la tendenza all’evitamento, che genera ancor più ansia. Affronta anche il problema dell’ansia generata dalla lontananza da casa, in un ambiente al quale non siamo abituati e senza legami che ci salvino da questa nostalgia.

Zelig (1983)

Questo film sull’ansia riguarda specificamente la fobia sociale. Nel film cult di Woody Allen, Leonard Zelig è un uomo camaleontico: cambia a seconda del contesto in cui si trova. La sua mancanza di un’identità ben precisa lo costringe ad imitare chiunque incontri – nel disperato tentativo di sentirsi riconosciuto dagli altri.

PERCHE’ L’HO SCELTO: Per far riflettere sull’omologazione di massa che soffoca le idee personali provocando ansia e paure.

La sera della prima – Opening night (1977)

Mostra l’ansia dentro e fuori dalla scena. Myrtle Gordon è un’attrice veterana di Broadway, la cui fiducia è minata dopo che
una giovane ammiratrice muore in un incidente. Si vedono due livelli d’ansia in azione: uno relativo alla performance, l’altro su come una donna affronta l’invecchiamento definito attraverso la sua immagine, un soggetto con il quale molti
si identificheranno oggi.

PERCHE’ L’HO SCELTO: Per imparare a porci le stesse domandeche poniamo alla protagonista : “riuscirà l’attrice a trovare dentro di sè una nuova donna, una nuova se stessa? Riuscirà a entrare in contatto con sè stessa con la vera parte di sè, nel massimo momento di finzione (che forse però è la verità)?” .

E tu riesci a scindere il palco della vita dalla realtà per eliminare l’ansia legata alle tue paure?

Questa lista di film ti è piaciuta?

La prossima volta dovrai essere dei nostri!!!

Clicca sulla locandina e scaricala per averla sempre con te!

Hai una storia con un narcisista?

18/12/2020 ore 17.30

Contattami subito al 3285573306 per bloccare il tuo posto on line o in studio!

Amo accogliere e accompagnare verso il cambiamento le persone che attraversano un momento critico nella relazione con sé stesse o con altri.
Articolo creato 101

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto